Contatti

Contatti gruppoo ACAM - La Spezia
Sede legale e amministrativa:
Via A.Picco, 22
19124 La Spezia

Tel 0187-538.1
Fax 0187-538076
Email:
posta@gruppoiren.it
PEC:
affarigenerali@acamspa.postecert.it

Cap. Soc. € 27.819.860,00 i. v.
CCIAA REA
Reg. Imprese La Spezia
C.F. e P. IVA 00213810112 

Regolamento per l'accesso e la permanenza di visitatori e fornitori nell'Area Operativa di Via Crispi/Via Redipuglia

 - 

Risposte di Acam Acque su perdita Via Arena, Ameglia (Risposte del 9/6 e 10/6)

La Spezia, 10.06.2015

Riguardo alle ulteriori precisazioni del sig. Monno circa l’episodio di dispersione idrica di via Arena ad Ameglia,  ci permettiamo di fornire alcuni chiarimenti sul piano tecnico, resi in un’ottica esclusivamente costruttiva nell’interlocuzione con l’utenza.

In primis lo scrivente gestore non ha mai inteso disconoscere che il permanere di una dispersione idrica rappresenti una situazione di criticità per cittadini e utenti anche quando non determini (come è il caso in esame) alcun peggioramento della qualità, quantità e continuità dell’erogazione, né costituisca pericolo.

Si tratta evidentemente e pur sempre di un’anomalia, alla quale cerchiamo di far fronte su due piani paralleli: da una parte utilizzando equi criteri di priorità nella programmazione degli interventi di riparazione, dall’altra prevedendo investimenti rivolti alla sostituzione delle tratte più datate e obsolete, come è stato e sarà per ognuno dei comuni serviti, con la conseguenza di veder diminuire, con effetti a medio termine, gli oneri su interventi emergenziali.

Nel solo 2014, per fare un esempio, abbiamo generato investimenti sulle infrastrutture del servizio idrico integrato per circa 6 milioni di euro sulla base della programmazione d’Ambito, di cui una percentuale significativa rivolta ad opere di risanamento delle condutture acquedottistiche e fognarie,  per la cui realizzazione  Acam acque ha impiegato, al netto di prestazioni specialistiche, esclusivamente forze interne.  

Preme inoltre ribadire che non può tecnicamente ammettersi alcun nesso causale tra disfunzione del pubblico acquedotto e correttezza della misurazione all'utenza.

In ogni caso, per sgomberare il campo da ogni possibile dubbio, il cliente ha la facoltà di attivare le procedure di verifica del misuratore previste dall’art. 6 comma 3 del documento “Condizioni generali del contratto di somministrazione” consultabile sul nostro sito WEB. 

 

La Spezia, 09.06.2015

In relazione alla notizia di perdita idrica in Via Arena ad Ameglia, pubblicata in questi giorni sulla stampa locale, Acam Acque comunica quanto segue.

Entro le 24 successive alla prima segnalazione di dispersione, ricevuta in data 26 maggio u.s., è stato eseguito il sopralluogo di verifica e di messa in sicurezza, tramite il quale l’addetto ha rilevato caratteristiche di pericolosità della dispersione pressoché nulle, corrispondenti alla classificazione di “priorità bassa” prevista dal sistema di qualità adottato dal gestore e attribuita a ciascuna perdita che “non possa dare origine, anche in un’ipotetica previsione di medio termine, a situazioni di minimo pericolo o disservizio”, e che per questo è possibile sottoporre a riparazione entro un massimo 45 giorni, qualora sussistano altre contestuali esigenze maggiormente prioritarie.

A tale riguardo confermiamo ad oggi la validità della nostra valutazione ed informiamo che, nel rispetto del sistema di gestione adottato, abbiamo programmato la riparazione entro la settimana corrente.

Precisiamo, a scanso di equivoci, che i metri cubi fatturati all’utenza non risentono in alcun modo delle dispersioni lungo le adduttrici di pertinenza del pubblico acquedotto e che al momento nessun difetto di erogazione è stato prodotto.

Ovviamente non può essere imputabile a questo gestore la presenza di situazioni di abbandono di materiale dovuto a comportamenti esogeni alla gestione del servizio idrico integrato.

Per la parte idrica dell’articolo, cogliamo l’occasione per un chiarimento non solo riferito al caso specifico ma anche finalizzato ad una più chiara comprensione del contesto operativo generale.

In primo luogo occorre precisare che le dispersioni idriche costituiscono circostanza operativa tecnicamente non azzerabile. Basti il fatto che sono considerate eccellenti, a livello europeo, situazioni acquedottistiche in cui le perdite rappresentano pur sempre il 15/20 % dell’acqua immessa in rete. Lo sforzo di qualsiasi gestore è dunque rivolto al contenimento e all’equilibrata gestione di un fenomeno connaturato all’esistenza stessa di una rete diffusa che, nel caso di Acam Acque, presenta un’estensione lineare di più di 1.900 km, necessari per erogare capillarmente l’acqua ai 130 mila clienti dei 26 comuni gestiti, distribuiti su un territorio complessivo di 616 Kmq. Tali numeri dicono subito che il fattore di contemporaneità degli eventi disfunzionali rappresenta uno dei principali elementi di rischio nel controllo delle perdite, cui occorre far fronte con scelte gestionali capaci di garantire, da una parte, il sicuro rispetto della carta dei servizi (qualità, quantità e continuità dell’erogazione), dall’altra, la sostenibilità economica (e conseguentemente tariffaria) della risposta operativa e dell’assetto dimensionale di uomini e  mezzi impiegati. In tal senso Acam Acque si è dotata di un sistema di “classificazione” delle perdite che attribuisce diversi livelli di priorità in base all’oggettivazione di alcune caratteristiche di “pericolosità” della dispersione stessa: pericolosità in rapporto all’area di fuoriuscita (traffico veicolare, rischio di formazione di ghiaccio, di danneggiamento agli stabili), in rapporto alla fornitura (rischio di sospensione o alterazione dell’erogazione), in rapporto alla quantità e tipologia del bacino di utenza interessato (grandi adduttrici,  alimentazione a presidi sanitari, ecc.). Tutto ciò è finalizzato a modulare le risorse proporzionalmente alla gravità dell’evento e con priorità attribuite in un’ottica totalmente e neutralmente comprensoriale. In questo processo di classificazione può anche accadere di involontariamente sottovalutare o sopravvalutare alcuni elementi di contesto, come per qualsiasi processo decisionale operante su variabili non completamente controllabili e come per qualsiasi scelta operativa basata non sull’azzeramento dei rischi (proibitivo sul piano tecnico ed economico) ma su una loro responsabile e ragionevole riduzione, e tuttavia il sistema, in linea generale, si dimostra affidabile.

Acam Acque, a fronte di queste precisazioni, tiene comunque a sottolineare lo sforzo che l’Autorità d’Ambito, per esso i Comuni e da ultimo il gestore medesimo stanno impiegando per il miglioramento del servizio idrico, che passa non solo dall’ottimizzazione della risposta operativa ma anche dalla pianificazione, programmazione e soddisfacimento del fabbisogno di rinnovamento delle infrastrutture.

Acam Acque S.p.A.

ACAM Acque SpA

Tutte le News 2018

30/10/2018 - Mercoledì 7 novembre sciopero del personale d ACAM Ambiente

20/10/2018 - Lunedì 22 ottobre Assemblea del personale di ACAM ambiente

17/09/2018 - Assemblea del personale di ACAM ambiente lunedì 17 settembre

17/09/2018 - A settembre termina il terzo ritiro settimanale della frazione organica

16/09/2018 - BIMBI in ufficio con mamma e papà

30/08/2018 - La Spezia - sperimentazione sacchi viola

29/08/2018 - News di servizio

19/07/2018 - Risposta al Secolo XIX: "Falla al Depuratore"

28/06/2018 - Risposta ad articolo de La Nazione del 26.06.2018 - “Via Bologna, una discarica a cielo aperto”

04/05/2018 - Risposta a IL SECOLO XIX 04/05/2018 “In via Vecchia di Biassa - Da Pasqua non si ritirano rifiuti”

27/04/2018 - COMUNICATO STAMPA - RACCOLTA RIFIUTI 1 MAGGIO

26/04/2018 - COMUNICATO STAMPA: Rimborsi tariffari

18/04/2018 - Comunicato ai cittadini della Spezia

17/04/2018 - Comunicato ai cittadini della Spezia

12/04/2018 - Operazione di aggregazione IREN – ACAM

11/04/2018 - Scarico verde CER.20.02.01 cittadini

11/04/2018 - Operazione di aggregazione IREN – ACAM

31/03/2018 - Raccolta Porta a Porta sospesa Lunedì 2 Aprile p.v.

27/03/2018 - Comunicato di ACAM ambiente “Interventi contro gli abbandoni di rifiuti”

12/03/2018 - Nuovo sistema di raccolta differenziata alla Spezia: Acam ambiente interviene a Tele Liguria Sud

23/02/2018 - La Spezia - Nuovo sistema di raccolta differenziata nel Centro Storico

22/02/2018 - ALLERTA GELATE

26/01/2018 - Acam Ambiente - Encomio all’attività degli Agenti Ambientali

18/01/2018 - Risposta a Cittadellaspezia - Lettera Signor Guido Cucchiar “Dal Canaletto: “Ora però venite a ritirare la plastica”

Servizio Clienti

Clicca sul logo per accedere al Servizio Clienti della Società
ACAM Acque SpA
ACAM Ambiente SpA

Archivio News

2011
2012
2013